Ottimizzazione delle pagine di arrivo

Sunday, 22 April 07
Una farfalla sta atterrando su un fiore Ieri sera parlavo al telefono con un mio cliente. Sta organizzando una campagna adwords per un sito che ha messo in piedi alcuni anni fa, e anche se prima non si occupava di web ha recuperato terreno, puoi parlargli di tutto e in qualche modo con una macro di excel o qualche diavoleria del genere riesce sempre a risolvere i suoi problemi.

Insomma, non e' un tecnico, ma e' uno che sa farsi le giuste domande, e si chiedeva se la sua campagna adwords, che ha lo scopo di promuovere un servizio web e di fare iscrivere la gente a tale servizio, avrebbe funzionato meglio dirottando i visitatori nella pagina di iscrizione o nella home page del servizio stesso, in cui e' possibile provare il servizio, avere delle spiegazioni, e ovviamente alla fine iscriversi.

Far atterrare i visitatori nella pagina di iscrizione puo' sembrare la cosa piu' ovvia a prima vista per chi vive il servizio ogni giorno e da per scontate una quantita' di informazioni di base che l'utente reale non possiede. La pagina di iscrizione provvede ad informare di quale sia la finalita' del sito, ha dei link che ti permettono di esplorarlo, dunque in teoria chi arriva li puo' decidere di farsi un giro e solo dopo iscriversi.
In realta' le cose potrebbero andare in maniera diversa. L'utente arriva ad una pagina di iscrizione e fa uno scan veloce della pagina: tutto quello che vede e' un form, non qualcosa che funziona. Una buona parte degli utenti di internet e' ottimizzata per non perdere tempo, probabilmente non ti dara' una seconda possibilita' cliccando su un link per capire bene di cosa si tratta, ma premera' il tasto back, e addio iscritti.

Una assunzione estrema per pensare al meglio

Per cercare di dominare il problema proviamo a inserire nel gioco una regola che e' troppo estrema ma evita di farci fare degli errori grossolani: gli utenti disinteressati non seguono link. Se non catturi la loro attenzione con la prima pagina che visitano hai perso. Se cosi' fosse i link di spiegazione presenti nella pagina di iscrizione perdono di valore, e gli unici elementi che possono aiutare sono invece i box di spiegazione, veri e propri riquadri in evidenza che hanno lo scopo di informare l'utente e farlo guardare oltre il mero form di iscrizione.

Alla luce di questa idea le perplessita' del mio cliente risultano molto piu' concrete. Anche se la registrazione e' ad un click di distanza in piu' dalla home page del servizio questa puo' avere la capacita' di catalizzare meglio l'attenzione dell'utente. La buona notizia e' che tra qualche settimana avro' i dati di come sono andate le iscrizioni utilizzando i due metodi, sono relativi ad un solo servizio ma mi sembrano ugualmente interessanti, e li condividero' con voi in questo blog.

Tutte le pagine sono di arrivo

Il problema della pagina di arrivo e' molto piu' generico, e molte delle visite che ogni giorno riceve un sito finiscono per essere di questo tipo. Ad esempio tutte le visite che provengono da google possono essere considerate atterraggi in una pagina di arrivo. Cosa facciamo per rendere l'impatto dell'utente il migliore possibile, per non farlo sentire spaesato, per creare un rapporto di continuita'?

Prendiamo come esempio il caso dei blog, in cui la ricerca porta con ogni probabilita' al permalink di un singolo post. Il visitatore potrebbe consumare l'informazione e tornare al suo lavoro. In questo contesto per creare un rapporto di continuita' si potrebbe ricordare al visitatore che l'articolo che sta leggendo non e' l'unico presente, e che ce ne saranno di nuovi regolarmente, per cui potrebbe essere una buona idea iscriversi al feed.

Per tale ragione nei giorni scorsi ho inserito in questo blog la visualizza del seguente box alla fine di ogni articolo. Il box viene mostrato a tutti i visitatori che non vengono da almeno quindici giorni:
Hai trovato questo articolo interessante?
Iscriviti al feed rss di questo blog o al servizio di newsletter per ricevere una notifica ogni volta che c'è un nuovo articolo da leggere.

Nota: se sei un lettore abituale non vedrai più questo messaggio
Avere un tale riquadro fisso sarebbe stato noioso e inutile per i lettori regolari, d'altra parte i post sono pagine di arrivo per tutti quelli che provengono dall'esterno, perdere la possibilita' di creare un rapporto di continuita' con il lettore e' una occasione mancata poiche' nonostante molti utenti su internet utilizzano i feed e' congetturabile che una buona parte di loro non si iscrivera' senza uno stimolo se proviene dai motori di ricerca con un interesse focalizzato alla risoluzione di un preciso problema.

Lo stesso concetto si puo' applicare praticamente a qualunque sito. Ad esempio su Oknotizie se non si e' autenticati viene visualizzato un box di informazione sul servizio sia in home page che nelle pagine delle singole notizie, (cosa che manca su Segnalo purtroppo e che sarebbe importante inserire). Alla fine della telefonata il mio cliente mi ha lasciato con questa frase:
Domani mattina vorrei svegliarmi facendo un reset mentale in cui non mi ricordo piu' niente dei miei siti per dieci minuti, per poterli finalmente vedere con occhi da estraneo e capire cosa potrei ottimizzare.
Vorrei poterlo fare anche io :)

Per approfondire

5990 views*
Posted at 08:39:33 | permalink | 12 comments | print