La qualita' senza un nome

Tuesday, 26 June 07
Giovani ballerine in attesa

Il progetto come scelta e sacrificio

Il progetto e' un processo di scelta incrementale, almeno per chi, come me, crede nel progetto dal basso verso l'alto, dal particolare all'universale.

Ogni scelta va ad incastrarsi sulle precedenti: deve sposarsi ad esse, a volte violarle in virtu' di un bene piu' grande. Sovente il processo di scelta riguarda di piu' cio' che non deve esistere di quello che invece va aggiunto.

Il sacrificio di cio' che non e' determinante genera la semplicita' e l'armonia del progetto, che non e' un processo di abbellimento, compositivo, ma un continuo compromesso in cui diverse necessita' lottano nella mente del progettista e solo alcune di loro hanno la meglio. Altre ne escono trasformate, o ridimensionate, o esaltate a tal punto che da contorno diventano protagoniste.

La qualita' senza un nome

There is a central quality which is the root criterion of life and spirit in a man, a town, a building, or a wilderness. This quality is objective and precise, but it cannot be named. The search which we make for this quality, in our own lives, is the central search of a person, and the crux of any individual person's story. It is the search for those moments and situations when we are most alive.

Christopher Alexander


Cosi' il buon progetto assume quella caratteristica impalpabile, indescrivibile, che e' la qualita' senza un nome che viene piu' percepita che descritta, o che a volte descriviamo come semplicita' o essenzialita', o come armonia, trovando la nostra descrizione incompleta, lacunosa.

La qualita' senza un nome che possiede l'ipod, sulla cui superficie plastica l'unico punto centrale e' il cerchio che ci permette di interagire con il player, privo di parti mobili e piccolo nelle dimensioni anche al costo di non permettere la sostituzione della batteria interna qualora si esaurisse.

La stessa qualita' presente nei grandi progetti dell'architettura e nelle zampe degli insetti progettati dalla evoluzione.

La stessa qualita' che possiamo in qualche modo ritrovare nella essenziale interfaccia web di gmail o nei linguaggi di programmazione Scheme e SmallTalk.

Il progettista, gli utenti e gli uffici marketing

Cosi' come una ballerina si esercita in maniera incessante per anni per trasformare, se ha talento, le rapide contrazioni muscolari, gli stress meccanici della sua danza, in dolci e fluidi cerchi disegnati nell'aria, il progettista, sia esso architetto, creatore di applicazioni web o di player mp3, passa le ore cercando di mediare tra le diverse necessita' e del modo in cui metterle in relazione tra di loro possa creare il bello, il semplice, l'immediato, l'usabile.

E' questo quello che conta, ed e' questo il lavoro del progettista, ed e' per questo che gli uffici marketing, gli utenti, o i programmatori tecnicamente smaliziati non bastano a fare il buon progetto, ma possono al contrario distruggerlo.

Cosi' ti sentirai proporre che sarebbe bello avere questa funzionalita' o che l'ufficio marketing ha deciso che e' proprio necessario effettuare una data modifica. Scelte che non facendo parte di un processo progettuale sono come una signora di mezza eta' abile quando va al mercato il sabato mattina a selezionare le giuste pezze per farne tovaglioli e gonnelline per la sua nipotina che in un sogno allucinante ma sempre piu' reale sale la scalinata che porta alla passerella dove una modella vestita di uno splendido vestito nero e lucente le cui piege dialogano con le sue forme perfette sta avanzando a passi lenti e felpati, per attaccarle sulla stoffa una sgargiante rosa fatta di lana e fil di ferro.

Il segreto delle startup

Credo che il motivo per cui in alcuni campi le grandi aziende non riescono a competere con quelle piu' piccole abbia molto a che fare col diverso peso relativo in sede decisionale che hanno in queste due tipologie di azienda le persone non direttamente coinvolte nel processo di sviluppo. Questo peso e' quasi nullo in una startup, da cui gran parte del vantaggio: si puo' fare cio' che si ritiene giusto senza ostacoli. Al contrario il peso decisionale delle persone esterne diventa determinante nelle grandi aziende, in cui piuttosto che dar credito ai propri sviluppatori si preferirebbe copiare dagli ultimi dilettanti arrivati.

E' per questo che nel futuro del mio lavoro in seno a Merzia e in relazione allo sviluppo di applicazioni web cerchero', insieme a Fabio, di creare le condizioni giuste affinche' sia possibile progettare qualcosa di nuovo con la sola idea di cercare, anche se magari senza mai raggiungere, quella qualita' senza un nome.

E probabilmente inizieremo questo processo Venerdi' con un nuovo servizio web che per ora e' solo una idea, ma che iniziera' a diventare realta' qui a Marina di Ragusa a pochi passi dal mare.
20500 views*
Posted at 23:50:11 | permalink | 7 comments | print