Sui costi del GPRS

Tuesday, 31 July 07
Durante le vacanze ho portato con me il portatile per le emergenze. In realta' l'ho usato soltanto per vedere delle puntate di southpark dopo la doccia serale prima della uscita verso il ristorante dove servivano cous cous, la mia Mecca in quei giorni.

Per controllare la posta usavo invece il cellulare, il mio fido N70, che di rimpersi non ne vuole sapere seppur mi e' piu' volte precipitato da varie altezze. Utilizzo principalmente tre modi per accedere ad internet dal telefono cellulare: Il seguente screenshot mostra opera mini all'opera... (scusate lo stupidissimo gioco di parole).

Opera mini all'opera...

Per chi non lo sapesse, un minimo di backgroud. Il client java di Gmail e' un programma sviluppato da Google per accedere a gmail: l'interfaccia somiglia a quella di gmail reale ed e' molto comodo da usare.

Il modo normale per accedere a gmail dal cellulare e' quello di usare una versione semplificata per piccoli device di gmail raggiungibile all'indirizzo m.gmail.com.

Ed e' proprio tramite m.gmail.com che e' possibile leggere la posta anche utilizzando Opera Mobile e Opera Mini. Opera Mobile e' una versione di Opera per cellulari Symbian serie S60 che supporta una buona dose di CSS, un po' di javascript, e in generale ha un rendering ottimo delle pagine web.

Opera Mini e' piu' giovane, ed e' il risultato di una nuova strategia in casa Opera. Secondo la mia personale opinione ad Opera si sono accorti che tramite java micro edition (specialmente midp 2.0) e' possibile creare applicazioni di tutto rispetto che hanno poco da invidiare alle applicazioni native per Symbian, ma col vantaggio di supportare un immenso numero di cellulari, praticamente ogni cellulare moderno che costa piu' di 40 euro.

Opera Mini gira anche nel Siemens C65 che vendono a 50 euro in formato prendi e paga nei centri commerciali.

La cosa incredibile e' che Opera Mini 4 beta e' anche meglio di Opera Mobile, e visualizza persino gli adsense (interessante no?). Come se non bastasse Opera Mini usa un proxy che comprime i dati per cui navigare e' piu veloce ed economico.

Insomma, questi i tool che si possono usare per accedere ad internet dal cellulare. E una delle cose che noi tutti facciamo piu' spesso quando accediamo ad internet e' proprio leggere la posta.

In Italia il GRPS si paga a traffico, cosi' ieri ho pensato di misurare il costo per accedere a gmail utilizzando i tre diversi programmi.

Il test

Il test e' stato condotto accedendo semplicemente alla pagina principale di gmail, assumendo che eravamo gia' loggati in precedenza e dunque ancora in possesso del cookie di autenticazione.

Molto spesso tutto cio' che si fa quando si e' in giro e' guardare se ci sono novita': molto spesso non ci sono cose che vogliamo leggere da remoto, si tratta solo di spam o messaggi poco urgenti, dunque il test prende in considerazione solo l'accesso alla lista delle ultime 10 email che sono arrivate sul nostro account gmail, perche' e' questa la condizione per cui si dovrebbe ottimizzare.

Risultati:
Opera Mini (j2me):
3.86 Kb inviati
5.87 Kb ricevuti

Opera Mobile (Symbian): 4.17 Kb inviati 14.19 Kb ricevuti

Gmail Mobile 2.23 Kb inviati 31.70 Kb ricevuti


Con la tariffa Wind di 0,3 centesimi ogni Kbyte scambiato cio' si traduce in: La differenza tra Opera Mini e Mobile e' facilmente spiegata dal fatto che il Mini comprime tramite il proxy mentre il Mobile non lo fa.

Il fatto che il client gmail scambi cosi' tanti dati e' dovuto al fatto che a google forse si sono bevuti il cervello e hanno pensato che fare il prefetch dei messaggi fosse una buona idea. In pratica il client di Google scarica anche il corpo dei primi messaggi che mostra nella lista: esperienza utente migliorata, piu' veloce, credo sia la motivazione. Ma forse se il GPRS si paga a traffico la migliore esperienza utente sono i tre centesimi di Opera Mini.

E lasciatemelo dire, Opera Mini e' un prodotto eccellente e sono felice che una volta tanto venga dall'Europa.
12499 views*
Posted at 19:10:37 | permalink | 12 comments | print